Giornata modiale gioventu, facciamo un paio di conti

Fra il 16 e 21 agosto 2011 si sono svolte le giornate della gioventù cattolica e gli organizzatori hanno dichiarato la presenza di ben 2’000’000 di partecipanti, tutti non paganti e senza fare i conti all’ingresso.

L’evento si è svolto presso l’aeroporto di Cuatro Vientos nei pressi di Madrid in Spagna.

Qui sotto potete vedere la foto area:

Ma adesso facciamo due conti e cerchiamo di capire quanti partecipanti ci sono stati per davvero o almeno proviamoci, vista la totale mancanza di informazioni.

Gli strumenti a nostra disposizione per comprenderlo sono Google Earth, la geometria elementare ed un po di buon senso.

Da Google Earth si vede che la larghezza massima dell’aeroporto è di 2244 m dall’angolo di sinistra alla cinta di destra; mentre l’altezza massima è di 850 m, dall’incrocio della strada sull’angolo in alto fino alla cinta in basso.
Considerandolo come una superficie triangolare si ha una superficie totale di 953’700 m², senza sottrarre la superficie degli stabili e degli spazi inutilizzabili.

La superficie totale è parecchio vasta ma se ipotizziamo che i partecipanti fossero stati veramente 2’000’000, come dichiarato dai media, allora avremmo avuto una densità di ca. 2.1 persone per metro quadro distribuite sulla superficie totale dell’aerodromo di Cuatro Vientos.
Per fare un paragone pratico si avrebbe la stessa densità se facessimo entrare 8 persone in un ascensore di 2m x 2m oppure 52 persone in un locale da 5m x 5m, vi sembrano strette, bene, immaginate di fare lo stesso su una superficie di quasi 1 Km².

Un po troppi, non trovate; anche considerando il fatto che a quanto detto dagli stessi media l’aeroporto è stato pure usato come accampamento da molti ragazzi e dalle poche foto reperibili in rete si vede che la gente non copriva di certo tutta la superficie disponibile, anche per ovvi motivi di sicurezza ed organizzativi.

Allora quante persone erano presenti alla GMG 2011?
Erano di sicuro tanti ma di sicuro non erano 2’000’000; una stima è impossibile anche perché non esistono delle foto aree dell’evento.

Realisticamente direi che erano sui 200’000 o forse 300’000 o forse meno, ma nessuno potrà mai confermarlo o smentirlo.

Lo stesso discorso lo si potrebbe fare con altre manifestazioni ecclesiastiche dove il numero di partecipanti reale è spesso molto più basso di quello dichiarato dai media.

Detroit Metal City

Detrioit Metal City (D.M.C.) è semplicemente l‘anime più assurdo e demenziale che mi sia capitato di vedere, è una sequenza di gag che vanno da una scurrilità di livello assolutamente trash a situazioni completamente assurde e stereotipate. Il tutto è al limite del geniale.

La storia narra di un bravo ragazzo di campagna Sōichi Negishi che va a Tokyo per studiare all’università e con la speranza di fondare un gruppo pop che faccia solo canzoni di amore stucchevoli e sdolcinate. Ma il destino vuole, contro la sua stessa volontà, che diventi il leader dei D.M.C. una band Death Metal e che prenda il nome d’arte di Johannes Krauser II.

I D.M.C. grazie ad una presidente piuttosto brutale raggiungono rapidamente il successo mettendo il protagonista nelle situazioni più assurde, infatti Negishi non vuole confessare ai suoi amici di essere il leader dei D.M.C. e nella vita privata ascolta solo canzoni d’amore ed è gentile e timido ma durante i concerti dei D.M.C. si trasforma completamente diventando un vero imperatore del metallo. Le gag sono tutte giocate su questo sdoppiamento di personalità che colpisce il nostro eroe.

Da vedere. Ed esiste anche l’omonimo manga.

Nb. Detroit Rock City è un singolo dei Kiss.

Chocolate underground

Quest’anno di anime davvero interessanti non se ne sono visti, ma quando stavo per perdere la speranza ecco che spunta quasi dal nulla questo titolo minore e per certi versi fuori dagli schemi.

chocolate underground è una serie di 13 episodi di circa 5 minuti l’uno, quindi si parla di un prodotto minimalista, ma con una trama che procede molto velocemente ed efficacemente, senza mai perdersi in lungaggini o fronzoli narrativi.

Le vicende si svolgono in un immaginario paese, governato dal partito della salute, dove il cioccolato e tutti i dolci sono stati vietati per motivi di salute pubblica e per puro moralismo. Gli abitati di questa nazione sono inoltre obbligati a magiare dei cibi governativi e dal sapore disgustoso e che vengono venduti come salutari. Oltre a tutto questo vine fatta una propaganda martellante contro il cioccolato e a favore del cibo ufficiale (con citazioni degne di 1984 di Orwell).

Infine per completare il quadro nel paese in questione esiste una brutale polizia del cioccolato che arresta chiunque produca o consumi del cioccolato definito come cibo del diavolo.

I due principali protagonisti,  Huntley e Smudger, che fino a quel momento non avevano mai assaggiato un pezzo di cioccolato cominciano ad interessarsi al argomento grazie alle storie di un anziana pasticciera, delusa da quello che è capitato, che racconta ai due protagonisti di cosa capitava nella sua pasticceria nel giorno di san Valentino.

Dopo aver ricevuto il la Huntley e Smudger cominciano a far una serie di difficoltose ricerche fra la censura e il rischio di finire nel mirino di spie della polizia, ma, nonostante tutto, finiscono per scoprire un gruppo che produce il cioccolato illegalmente … [non voglio fare troppo spoiler].

La parte migliore di questo anime sta nella semplice ed intelligente analisi di quello a cui può portare il moralismo di stato e non solo. Nella trama non vengono creati eroi o santi ma i protagonisti sono delle persone normali a cui è stato spezzato il piacere della vita quotidiana da un governo dittatoriale e moralista e da una polizia violenta.

L’anime è stato tratto dal omonimo manga dell’esordiente Aiji Yamakawa.

Il tutto è stato a sua volta tratto dal romanzo Bootleg scritto da Alex Shearer, disponibile solo in inglese.

Sono disponibili i subs in inglese.